Oltre le parole una carezza per l’anima.

L’approccio alla persona malata , nel corpo e nell’anima mediante il Nurturing Touch.

 

Forse non ci abbiamo mai riflettuto ma per molti di noi la via del corpo è preferenziale per dare voce alle nostre emozioni, alla nostra sofferenza e a tutto ciò che non saprebbe emergere attraverso altri linguaggi. Nella vita della persona malata il corpo assume un ruolo diverso. Quel corpo, spesso curato per anni con attenzione e amore, diventa di colpo ostile, sfugge ad ogni controllo, fa soffrire. Ma è comunque pur sempre un corpo che ha bisogno di essere toccato, accarezzato, abbracciato, al di là del decadimento e delle deformazioni causate dalla malattia.

Un lieve contatto, una carezza, fanno sentire alla persona ammalata che essa è ancora degna di rispetto, che continua ad esistere come persona, che è un soggetto di incontro e non solo un oggetto di cura .

Quando la persona si trova nella fase finale della sua vita,  nell’anzianità avanzata o comunque in una situazione di fragilità dovuta a patologia grave tende a “chiudersi”, la comunicazione è sempre più difficile e la solitudine esistenziale diviene la sua inseparabile ed assidua compagna.

Subentrano anche difficoltà oggettive quali il dolore, lo stato confusionale, l‘espressione verbale talora molto faticosa, e difficoltà soggettive quali emozioni inespresse, rabbia, frustrazione, solitudine, disperazione, paura. Ecco allora che attraverso il con-tatto affettivo e il massaggio si può “gettare un ponte”, superare la barriera dell’isolamento ed entrare in una comunicazione, anche intima, con lei. Ciò le permette da un lato di esprimere e condividere  le sue paure, le sue angosce, i suoi interrogativi, dall’altro di percepire il miglioramento fisico ottenuto grazie al massaggio, ed infine di sentire che qualcuno sta “prendendosi cura” di lei nella sua interezza di soma e  psiche, di essere umano unico e irripetibile.

Il Nurturing Touch è il “tocco che nutre”, il massaggio che offre momenti di pace, quiete, serenità e amore. Una modalità basata sul contatto attraverso il massaggio, che consente, anche quando le parole non sono più utilizzabili,  di entrare in comunicazione con l’altro, di superare le barriere della paura e dell’isolamento, di offrire momenti di vero sollievo ai malati ed anche ai loro familiari.

Attraverso il Nurturing Touch si riesce ad assicurare una “presenza vera” accanto a chi  percorre il suo ultimo tratto di vita e a chi si trova nella “grande anzianità”,  condividendo la sua solitudine interiore: una condivisione che implica  l’essere capaci  di guardare “dentro” l’essere umano e di comunicare attraverso  l’espressione di piccoli gesti che manifestano tenerezza e  solidarietà; piccole “sorgenti luminose” che danno luce e senso all’esperienza dell’accudimento e dell’accompagnamento.

MARINELLA CELLAI BAILONE – ESPERTA DEL METODO DI NURTURING TOUCH-

 


Tu poi contare su di noi. Noi contiamo su di te. Sostienici.

La campagna 5x1000 di quest’anno è la campagna di raccolta firme più importante di sempre. Perchè? Perchè ha effetto immediato e tu, devolvendo il 5x1000 alla nostra associazione, ci consentirai, senza alcuna spesa per te, di continuare ad alleviare le sofferenze di chi sa di non poter più guarire. Ci siamo stati ieri e ci siamo oggi. Aiutaci ad esserci anche domani. Sostienici.


Il trattamento del dolore nel malato oncologico ( maggio2020/vol.1)

IL TRATTAMENTO DEL DOLORE NEL MALATO ONCOLOGICO.

Come migliorare il controllo del dolore nei malati oncologici terminali, favorendo ed organizzando la Formazione specifica sui farmaci oppioidi.
INTRODUZIONE
La storia del percorso di cura palliativa dall'accoglienza alla presa in carico del malato e della sua famiglia
Oggi la sofferenza ha perso i caratteri rituali che nelle precedenti organizzazioni societarie servivano a dare significato anche ai dolori più atroci (pensiamo ai riti di iniziazione).
Le persone sanno che possono non soffrire ed i mezzi di comunicazione di massa amplficano le notizie relative ai progressi nella terapia del dolore, per cui si stabilisce un convincimento generale che il dolore può e deve essere vinto ad ogni costo.
Ne consegue che il dolore e la sofferenza non possono essere affrontati con spirito di passiva accettazione.
Vanno, al contrario, combattuti e vinti con tutti i mezzi dell’intelligenza e con tutto il necessario dispendio di energie umane ed economiche.

Raccolta di scritti sul dolore, le cure palliative ed altro, a cura del Dott.Armando De Martino( medico specialista in anestesia e rianimazione, esperto palliativista).

 

Per scaricare il primo volume della newsletter basta cliccare sul seguente  link  E Newsletter iltrattamento del dolore


Giornata di prevenzione oncologica a Capaccio- Paestum

Domenica 9 febbraio 2020 a Capaccio- Paestum giornata dedicata alla prevenzione con visite specialistiche gratuite.Leggere di più


Il villaggio dei desideri

Il Natale si avvicina!

Vi aspettiamo sabato 14 dicembre 2019 a Eboli, in largo San Giacomo, alle ore 18.00 per un Natale ricco di sorprese.

Per tutti i bambini un sacchetto di cioccolatini e l'opportunità di scattare una foto con Babbo Natale e i suoi elfi. Inoltre sarà possibile imbucare la propria letterina direttamente nei pressi dell'albero natalizio.

L'iniziativa rientra nell'ambito dell'azione Man promossa da Sodalis CSV Salerno.


Tutti insieme a cantina segreta

Venerdì 13 dicembre 2019, alle ore 20.30 vi aspettiamo a Eboli a Cantina Segreta in via Vacca,15.
Richiedi il tuo invito numerato e partecipa alla nostra iniziativa solidale.

Insieme per aiutare chi aiuta.

Durante la serata saranno sorteggiati più premi donati da attività commerciali del territorio.

Per info:3668976140

 


Legati- vinciamo l'indifferenza

Domenica 27 ottobre a Salerno, presso la sede della Lega Navale, una giornata dedicata alla solidarietà.

Leggere di più


Lo faccio per me - Giornata di prevenzione

Una giornata dedicata alla prevenzione e alla salute delle neoplasie mammarie.Leggere di più


Caregiver: noi ci prendiamo cura di te

Un nuovo percorso formativo dedicato ai caregiver, ovvero gli assistenti familiari che dedicano il loro tempo alla cura di un malato.Leggere di più


Pranzo in fattoria

Nuova iniziativa a sostegno della nostra associazione e del nostro centro ascolto TI Ascoltiamo.

Vi aspettiamo sabato 28 settembre 2019, presso la fattoria Cavallo per una giornata da passare insieme, immersi nella natura con pranzo a chilometro zero.

La struttura si trova in via Strettina Scorzello a Capaccio- Paestum.

Non mancate!

Per informazioni e preonotazioni:3668976140